Corsi CAI Sci Alpinismo

Monte Barbarossa:
Scialpinismo sulle Orobie

Corso di Scialpinismo SA1 Scuola della Valle dell’Adda

Dove: Monte Barbarossa 2148 m

Località e quota di partenza: Teveno 1134 m, Val di Scalve (BG) Mappa >>

Regione/Stato: Lombardia, Italia

Gruppo montuoso: Alpi Orobie

Quota di arrivo: 2148 m

Dislivello di salita: 1014 m

Difficoltà: BS

Esposizione: Est

Rischio valanghe: 3 – Marcato

Anche questa Domenica la nostra meta è stata la Val di Scalve, che non ci deve voler molto bene! Come previsto nuvole basse e neve…. ma nonostante tutto una magnifica giornata!!

Prima di salire prova A.R.T.Va. con i nostri istruttori Luca e Marco, guardato il BOLLETTINO VALANGHE confrontandolo con la situazione sul campo.

Salita

Lasciata l’auto al parcheggio del campo di calcio di Teveno, si inizia a risalire le ex piste da sci per imboccare un largo sentiero che risale il vallone che scende dal Pizzo di Petto, da seguire fino all’uscita del limite del bosco (si evita così un pericoloso canale sulla sinistra sotto le pareti rocciose).
Qui svoltare a destra e proseguire nell’ampio vallone puntando al colle. Lungo il cammino si incontrano la Malga Bassa di Barbarossa a 1704 m
(con ampio portico dove è possibile ripararsi), e successivamente la Malga Alta a 1832 m.

Al Colle

Seguendo dossi e avvallamenti si arriva così al colle, dove si può decidere di scendere o di lasciare gli sci e proseguire a piedi per i restanti 100 m di dislivello fino a raggiungere la vetta, su una “cresta” a brevi tratti esposta . Visto il “bel tempo” e la “buona visibilità” siamo tornati sui nostri passi!!

Discesa

Per la via di salita: da valutare bene in alternartiva le condizioni del canale sotto il Pizzo di Petto perché soggetto a slavine (canale aggirabile, come per la salita, tramite sentiero iniziale). Infine prove A.R.T.Va e ripellamento di qualcuno per l’ultimo pezzo di discesa che presentava l’unica buona neve della giornata 🙂 Almeno per le mie capacità di discesa…

Grazie a tutti gli istruttori!

Galleria fotografica

Mappa

Visualizzazione ingrandita della mappa

Testo di Elena Monistier
Foto di Luca

A proposito dell'autore

Elena

Amo andare in montagna perché casa e ufficio mi stanno stretti. In montagna il sentiero è l'unica via da percorrere, il fiato non si spreca in parole inutili ma bisogna conservarlo e per arrivare in cima basta mettere un passo dietro l'altro. Vado in montagna perché cieli e panorami si fondono e confondono in forme e colori sempre nuovi, come sentimenti che si aggrovigliano inconsciamente come i colori sulla tela su cui dipingo, i pixel sul monitor in ufficio e la luce nell'obiettivo della mia macchina fotografica. Forse è per questo che in quota telefonini e internet funzionano a singhiozzo, è la natura che ti dice: "Lascia il lavoro a valle, stai con gli amici e con chi ami, stai con gli animali, stai con te stesso. Non ti serve nient'altro.

Lascia un commento