In montagna Trekking Escursionismo Val Bregaglia

Un nuovo bivacco per il pizzo Galleggione

  • Dove: Pizzo Galleggione
  • Regione/Stato: Lombardia, Italia
  • Quota di arrivo: 3107 m

Il progetto di Demetrio nato dall’amore per la val Bregaglia

Il pizzo Galleggione (3107 m) si trova in val Bregaglia lungo il confine di stato fra italia e Svizzera. Questa bella e panoramica cima  si può raggiungere infatti dalla Svizzera partendo dal villaggio di Soglio per il sentiero che porta al Pass da la Prasgnola (2724 m) ed infine salire per cresta fino alla cima. Oppure si può decidere di iniziare l’escursione dalla Val Bregaglia italiana, passando per l’alpeggio del Malinone o dal lago dell’acqua Fraggia.

Qui su territorio italiano del comune di villa di Chiavenna, sotto la cima del pizzo Galleggione al confine Italo svizzero tra Bregaglia italiana e Svizzera, verrà posizionato il nuovo Bivacco voluto da Demetrio Martinoli e dagli Amici del Pizzo Galleggione che aderiscono all’iniziativa, sostenuti dalla guida alpina Renata Rossi.

Il progetto è nato da un’idea di Demetrio che risiede a Villa di Chiavenna ed è appassionato di escursionismo sia estivo che invernale con  ciaspole, legato da un amore per questa valle che è la sua terra.

La storia del Pizzo Galleggione:

Sul versante Svizzero della montagna era presente un tempo una vecchia capanna in legno di postazione militare, che serviva da rifugio per gli escursionisti colti dal brutto tempo o per pernottare sulla vetta e goderne del panorama. Questa è stata bruciata da persone ignote, si è pensato così di ripristinare un bivacco su questa montagna simbolo della zona come collaborazione tra Italia e Svizzera.

Dalla cima si gode di una vista a 360 gradi, tutta la zona dell’Albigna, della Bondasca, i contrafforti del Bernina, il lago, la pianura e lo sguardo può spaziare fin verso Coira. Dicono che si possa vedere anche la madonnina che risplende sul Duomo di Milano. Venite a dare un’occhiata anche voi per scoprire se è vero!

La domanda per il posizionamento verrà fatta dalla sezione Bregaglia del Club Alpino Svizzero attraverso il comune di Villa di Chiavenna alla Regione Lombardia settore dei beni ambientali.

Aspettiamo allora i prossimi aggiornamenti di questo bel progetto.

#forzabregaglia

A proposito dell'autore

Elena

Amo andare in montagna perché casa e ufficio mi stanno stretti. In montagna il sentiero è l'unica via da percorrere, il fiato non si spreca in parole inutili ma bisogna conservarlo e per arrivare in cima basta mettere un passo dietro l'altro. Vado in montagna perché cieli e panorami si fondono e confondono in forme e colori sempre nuovi, come sentimenti che si aggrovigliano inconsciamente come i colori sulla tela su cui dipingo, i pixel sul monitor in ufficio e la luce nell'obiettivo della mia macchina fotografica. Forse è per questo che in quota telefonini e internet funzionano a singhiozzo, è la natura che ti dice: "Lascia il lavoro a valle, stai con gli amici e con chi ami, stai con gli animali, stai con te stesso. Non ti serve nient'altro.

Lascia un commento