Escursioni per bambini in montagna

Passeggiata in Val di fex con neve e passeggino

  • Dove: Val di Fex
  • Regione/Stato: Svizzera, Engadina
  • Località e quota di partenza: Sils Maria 1803 m
  • Quota di arrivo: 2000 m
  • Difficoltà: f

L’Engadina è una meta ricca di escursioni adatte a famiglie con bambini, anche in pieno inverno.

Con sole splendente e temperature non troppo rigide decidiamo di andare in Engadina a fare una bella passeggiata con la neve e la bambina, abbiamo l’imbarazzo della scelta e alla fine decidiamo di andare in val di Fex. Lasciamo l’auto nel comodo parcheggio coperto di Sils Maria, dove si trovano ascensore e comodi bagni riscaldati per un eventuale cambio pannolino.

Prendiamo dall’abitato di Sils Maria la strada principale asfaltata che si inoltra nella valle e passa dall’Hotel Waldhaus. La stradina chiusa al traffico qui risulta pulita dalla neve ed è percorsa solo dalle carrozze con i cavalli che trasportano le persone nei vari hotel e ristoranti nella valle. Una stupenda iniziale vista sul Piz da la Margna, nota meta scialpinistica della zona, ci accompagna in questo primo tratto di strada.

La bambina dorme serenamente nel suo passeggino, sarà l’aria fresca, il sole e la montagna. La strada passa dall’hotel Sonne Fex e il panorama cambia, in fondo alla valle si vede un’altra nota meta scialpinistica il il Chapütschin. La strada è sempre pulita e si procede su asfalto, ma noi prendiamo la parallela che è di neve battuta, dove passano sia pedoni che fondisti.

Arriviamo all’hotel Fex dove ci sediamo nei tavolini al sole a bere un caffè svizzero (lungo e con panna), approfittando così per dare da mangiare alla bambina. Ci portiamo sempre un termos con la pappa calda, inoltre anche qui i bagni riscaldati offrono comodi fasciatoi.

Elisa è felice, tocca la neve , conosce per la prima volta nella sua vita delle mucche dal vivo, si guarda intorno con la meraviglia e lo stupore di chi vede tutto per la prima volta. E mamma e papà sono felici di stare in uno dei più bei posti delle Alpi, godendosi spettacolari panorami… e chissà a quando la prossima scialpinistica 🙂

A proposito dell'autore

Elena

Amo andare in montagna perché casa e ufficio mi stanno stretti. In montagna il sentiero è l'unica via da percorrere, il fiato non si spreca in parole inutili ma bisogna conservarlo e per arrivare in cima basta mettere un passo dietro l'altro. Vado in montagna perché cieli e panorami si fondono e confondono in forme e colori sempre nuovi, come sentimenti che si aggrovigliano inconsciamente come i colori sulla tela su cui dipingo, i pixel sul monitor in ufficio e la luce nell'obiettivo della mia macchina fotografica. Forse è per questo che in quota telefonini e internet funzionano a singhiozzo, è la natura che ti dice: "Lascia il lavoro a valle, stai con gli amici e con chi ami, stai con gli animali, stai con te stesso. Non ti serve nient'altro.

Lascia un commento