Sci Alpinismo

Scialpinismo: domenica salvata con un quasi Timogno

Oggi festeggiamo il compleanno del nostro amico Andrea con una quasi “Timognata” scialpinistica: come dice proprio il festeggiato un Timogno da pensione, 2 foto in salita e dieci a tavola!!!! 🙂

Dove: Rifugio Vodala 1700 m

Località e quota di partenza:
Spiazzi di Boario 1150 m, Gromo – Alta Val Seriana – Guarda la MAPPA

Quota di arrivo: 1700 m

Dislivello di salita: 600 m

Difficoltà: MS

Pericolo valanghe:
marcato 3 in rialzo nel corso della giornata (tendente al 4)

Neve: Farinosa – neve fresca pesante in basso

Esposizione: O

Tempo salita: 1.20 h

Note: Tipica gita invernale: fino al rifugio Vodala itinerario sicuro nel bosco a lato delle piste, adatta ai principianti dello scialpinismo.

Rifugio Vodala - Alta Val Seriana

Polenta, brasato e casoncelli

Io, Andrea ed Elisa partiamo alle otto con comodo da casa accompagnati dalla pioggia, oggi tempo brutto! A Bergamo invece troviamo la strada principale tutta impastata di neve, fino agli spiazzi di Gromo.

Salita

Lasciamo l’auto agli Spiazzi di Gromo e iniziamo a risalire sulla sinistra il bordo delle piste da sci; prendiamo poi la stradina dedicata in inverno agli scialpinisti. Infatti risalire le piste è vietato e si può incorrere anche in qualche multa: hanno così fatto questo sentierino nel bosco sulla sinistra delle piste che porta fino al rifugio Vodala.

Il rifugio Vodala

Il rifugio Vodala si trova sulle piste da sci alla fine del bosco (si raggiunge anche con una vecchia seggiovia a due posti), dove inizia l’ultimo ripido pendio che porta in cima al Timogno: questa ultima parte che porta al Timogno è da affrontare con neve sicura.

Il giovedì il rifugio rimane aperto ed è possibile andare a cenare con gli sci ai piedi, per poi scendere sulle piste con una bella luce frontale o magari una fiaccola.

Discesa:

Dopo un bel piatto di casoncelli e un brindisi con una tazza di the al rifugio… BUON COMPLEANNO ANDREA HAI FATTO 30 😀  …….

scendiamo per le piste! Visto la nevicata troviamo una neve poco battuta e a noi piace proprio così!!! 😀

Infine una risalita a 4€ sulla seggiovia per farci un’altra discesa.

Foto

Mappa

Testo e fono di E.Monistier

A proposito dell'autore

Elena

Amo andare in montagna perché casa e ufficio mi stanno stretti. In montagna il sentiero è l'unica via da percorrere, il fiato non si spreca in parole inutili ma bisogna conservarlo e per arrivare in cima basta mettere un passo dietro l'altro. Vado in montagna perché cieli e panorami si fondono e confondono in forme e colori sempre nuovi, come sentimenti che si aggrovigliano inconsciamente come i colori sulla tela su cui dipingo, i pixel sul monitor in ufficio e la luce nell'obiettivo della mia macchina fotografica. Forse è per questo che in quota telefonini e internet funzionano a singhiozzo, è la natura che ti dice: "Lascia il lavoro a valle, stai con gli amici e con chi ami, stai con gli animali, stai con te stesso. Non ti serve nient'altro.

Lascia un commento